QUESTIONARIO
6 EURO
Ricorda: i campi contrassegnati con asterisco sono obbligatori.
Se ci sono campi non obbligatori che desideri lasciare in bianco, potrai successivamente compilare il relativo spazio a penna o con il nostro strumento di modifica.

Dati del Creditore
Dati del Debitore
Ulteriori Comunicazioni
Inserire qui i dati del creditore (se si tratta di una società scrivere la denominazione sociale, es: RAM INDUSTRIE s.r.l.)
se il creditore è una società lasciare in bianco
Inserisci in questo campo la data nella quale viene scritta la lettera di sollecito
Inserire qui i dati del debitore (se si tratta di una società scrivere la denominazione sociale, es: RAM INDUSTRIE s.r.l.)
se il debitore è una società lasciare in bianco
Importo complessivo del credito.
Descrivere l’origine del credito. Es: conto da saldare, fattura N°, risarcimento di danno subito, ecc...
Inserisci in questo campo eventuali ulteriori comunicazioni che intendi specificare nella lettera di sollecito.
Avanti

AVVERTENZE
Per sollecitare formalmente il pagamento di un nostro credito, occorre redigere ed inviare un atto formale, detto in termini legali “atto di costituzione in mora”. Tale atto riveste importanza fondamentale per tre motivi:

1. Comunicare formalmente al debitore l’importo esatto di quanto ci deve, e fargli capire che “il tempo a sua disposizione per pagare è scaduto”.

2. Interrompere il termine di prescrizione, ovvero quel termine, variabile a seconda della natura dell’obbligazione, decorso il quale scade la possibilità di far valere in Giudizio  i propri diritti.

3. Iniziare a far decorrere formalmente il termine per il calcolo degli interessi (c.d. interessi moratori) a favore del creditore.

RISORSE AGGIUNTIVE

Cosa devi sapere

Una volta inseriti i dati necessari, Scribendo.it genererà  un atto di formale messa in mora del debitore, scritto in termini  legali  validi ed efficaci dal punto di vista formale e sostanziale.

L’utente dovrà solo sottoscriverlo  ed inviarlo all’indirizzo del debitore mediante RACCOMANDATA con RICEVUTA DI RITORNO (disponibile in ogni ufficio postale). 

Ove il recupero del credito non dovesse avere successo,  la raccomandata e la relativa ricevuta, che verrà riconsegnata dal postino all’indirizzo del creditore, potranno essere consegnate ad un legale di fiducia perché questi intraprenda l’azione di recupero forzoso (fase giudiziale).

Presentarsi dal proprio legale già con la raccomandata di messa in mora inviata al debitore, grazie al servizio di Scribendo.it,  consentirà un significativo risparmio di tempo…. e soprattutto di denaro  !